1 Settembre: si alzano le onde

TelegramStop-DeliveredTelegramEnvelope

Per scusarci del ritardo e farci perdonare delle poche foto di ieri, oggi che è domenica doppia razione di fotografie!

01 02

Non sappiamo ancora se Enrico ci ha fatto l’onore di pubblicare le nostre foto ma lo ringraziamo ugualmente. (la scarsa fiducia nel sottoscritto dev’essere causata da un’overdose di Xamamina. N.d.r.)

13

Oggi Domenica, l’ultima per noi a bordo, il comandante ha mangiato in mensa cadetti e più tardi inizieranno le Vespucciadi, una serie di giochi a squadre dove parteciperanno quasi tutti, un modo come un altro di passare una domenica a quattrocento miglia dalla terra più vicina. Il mare cambia di giorno in giorno, onde lunghe che arrivano di traverso alla nave  facendola rullare e beccheggiare. Io, è inutile che vi dica, continuo ad avere un certo qualcosa alla bocca dello stomaco. (avevo come amico un lupo di mare e non lo sapevo… N.d.r.)

04 05 06

Mi dicono che la situazione climatica e di mare sia ottima per il tratto che stiamo attraversando. Il golfo di Biscaglia è famoso per le sue mareggiate, è il luogo dove spesso si incontrano fronti caldi e freddi, creando delle vere e proprie tempeste con mari anche a forza  sette.

11 10 08

Che dire di meno noioso ? (Come potete vedere qui sopra, Mario, quando ha un vassoio davanti, non si annoia affatto. N.d.r.)
Le realtà a bordo sono molteplici. Quella che mi è saltata subito all’occhio è un doppio modo di essere e  di comunicare: vi è quello militaresco che deve rispondere sempre e comunque a regole codificate che rispettino gradi e ruoli; quando però si è fuori servizio, non mancano gli sfottò e le ironie, specialmente se di mezzo vi è il calcio. Ieri un operatore di sala radio aveva installato un amplificatore in coperta e si era collegato con la radio per la cronaca della partita Napoli-Chievo. Per un momento il grado è sparito e ognuno tifava per la propria squadra.

11 14

Il Golfo di Biscaglia non si smentisce; il vento è aumentato a trenta nodi ed è in crescita, filiamo a più di sette nodi in un mare forza cinque di poppa che ci fa beccheggiare abbastanza. Il mal di mare è misteriosamente scomparso, forse in virtù del fatto che mi hanno soprannominato Xam, per chi non cogliesse, sarebbe a causa del grande consumo di Xamamina. (Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. È evidente che la fibra di Mario agisce soltanto sopra una certa soglia di beccheggio. N.d.r.)

03

Oggi dato che è domenica vi allego le foto della messa e quella di alcune componenti: il reparto motoristi, quello dei cuochi e in fine quello della radio. Non so se le Vespucciadi si terranno a causa del forte vento. Ve lo dirò domani nel prossimo blog

Du coté de chez Max

Mario mi ha fotografato in giacca e cravatta un attimo prima di entrare a cena con il comandante. Però nella foto, come potete vedere, la cravatta non si vede (coperta dalla telecamera) e la giacca sembra un qualsiasi impermeabile. Insomma mi sono vestito di tutto punto inutilmente! Mario, detto Xam (lo zio Xam. N.d.r.), è bravissimo a fare le foto ma evidentemente non vuole che appaia più bello di lui e mi boicotta.

12

Oggi, continuando il mio viaggio all’interno della pancia della Nave, tra le zone e le mansioni più nascoste, ho filmato il lavoro del reparto contabili. Tra l’altro ho anche assistito alla distribuzione di una diaria spettante a tutto l’equipaggio per i giorni di sosta nel prossimo porto di Lisbona, un’antica usanza nata sulle navi mercantili.
Oggi, domenica, santa messa all’aperto. Molto suggestiva viste anche le condizioni del mare abbastanza agitato. Immagini bellissime della funzione con alle spalle le onde sempre più alte. Il comandante ha pranzato con gli allievi nei loro alloggi. Il contrasto tra la cena molto formale di ieri e il pranzo con i vassoi di oggi salta all’occhio e ci fa capire come questa Nave prepari ed educhi veramente ad ogni tipo di realtà.

15

7 pensieri su “1 Settembre: si alzano le onde

  1. Wow grazie ancora di questo bellissimo diario di bordo ( lo sò, sono piuttosto ripetitiva😛 ) ma è qualcosa di fantastico il vostro lavoro!!!!

  2. Che bella sperienza. Max anche si no si vede la cravatta, sei belissimo❤
    Vi seguo dal Brasile e sofro di male di mare solo da leggere

  3. Ciao! Siamo le figlie di un sottufficiale della Vespucci. Volevamo ringraziare Mario e Max per questo stupendo diario di bordo e soprattutto per averci dato la possibilità di vedere nostro padre dopo tanto tempo di lontananza!

  4. sono la mamma di un nocchiere imbarcato oramai da cinque anni su questa bellissima nave, grazie alle vostre foto, dopo tanti giorni di navigazione, ho rivisto il volto di mio figlio con un primo piano bellissimo….grazie di cuore

  5. Grazie ,dal papà di un allievo, che ha voglia di manifestarvi tutta la gratitudine possibile per questo fantastico “documentario” che in nessun altro modo avremmo mai potuto vivere. Un esperienza “Titanica” per questi ragazzi, che sono sicuro conserveranno per tutta la loro vita e carriera e che costituirà motivo di profondo orgoglio. Pensate solo che grazie a voi potranno riviverla ogni qual volta lo vorranno. Grazie !!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...